Opere letterarie

“Lo spazio che la carta bianca mostra, come fosse un nudo di donna, mi invita a scrivere […] raccontando gli abissi spaventosi sfiorati nella ricerca che voleva rinnovare il linguaggio articolato. Volevo dare un nome alle realtà invisibili”

Left 2013, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2016, p. 258
Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2013, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2016

“Il pensiero, che è fantasia, dà allo scrivere un senso che è suono non udito dalle orecchie ma dagli occhi di coloro che leggono”.

I LIBRI DELLA TEORIA DELLA NASCITA

“…quei quattro libri che sono il fondamento dell’Analisi collettiva”.

Left 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2014, p. 114

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2014
© M.Fagioli

“Furono tre i libri pubblicati dal gennaio 1972 al gennaio 1975. 
Poi vennero mille e mille sconosciuti che chiesero l’interpretazione dei sogni e, in verità, volevano la cura della malattia mentale”.

Left 2012, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2015, p. 268

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2012, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2015
Istinto di morte e conoscenza, 1972,
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010, 2017

Fagioli sostiene che il sogno è un pensiero per immagini. Un pensiero non cosciente la cui comprensione può portare ad una ulteriore realizzazione dell’essere umano. Fondamentale è la distinzione tra frustrazione e aggressione, identità e identificazione, desiderio e bramosia, indifferenza e anaffettività, rifiuto e negazione, alienazione fuori di sé e proiezione, memoria-fantasia e ricordo cosciente, ricreazione e regressione-ripetizione.

Istinto di morte e conoscenza (1972), L'Asino d'oro edizioni, Roma 2010, 2017

Istinto di morte e conoscenza in altre lingue:

Todestrieb und Erkenntnis, (Tedesco)
2011, Stroemfeld Verlag

Death Instinct and Knowledge, (Inglese)
Prossima pubblicazione

Instinto de muerte y conocimiento, (Spagnolo)
Prossima pubblicazione

Instinct de mort et connaissance, (Francese)
Prossima pubblicazione

Instinto de morte e conhecimento, (Portoghese)
Prossima pubblicazione, Atheneu

死亡本能与认知, (Cinese)
Prossima pubblicazione, Beijing Normal University Publishing Group 北京师范大学出版集团

Todestrieb und Erkenntnis, 2011

“Se Istinto di morte e conoscenza denunciò il mito della scoperta dell’inconscio dimostrandone la falsità, i secondi due volumi tolsero la maschera dal volto di una cultura razionale che era diventata di pietra di fronte all’irrazionale”.

Left 2013, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2016, p. 268

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2013, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2016
La marionetta e il burattino (1974), L'Asino d'oro edizioni, Roma 2011
La marionetta e il burattino, 1974,
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2011

1970-1974. Compare, di nuovo, il secondo volume dei tre che furono la verbalizzazione scritta del pensiero dell’autore. Poi l’Analisi collettiva cimentò lo psichiatra a manifestare la sua identità umana. La teoria della nascita si realizzò in una prassi di cura e di ricerca che ha condotto al superamento della scissione tra inconscio e coscienza.

Teoria della nascita e castrazione umana, 1975,
L’Asino d’oro edizioni, Roma, 2012

Scrivere fantasia di sparizione fu la conoscenza della nascita umana e generò: pulsione-fantasia e memoria-fantasia.

Esse, come occhi, fanno vedere il senso invisibile del racconto delle immagini oniriche.

E l’interpretazione dei sogni fu un linguaggio nuovo.

Teoria della nascita e castrazione umana (1975), L'Asino d'oro edizioni, Roma 2012

“Ma poi pensai anche al gennaio 1976 quando la ragazza raccontò, per la prima volta, il sogno nell’università pubblica[…]. Fu una separazione totale da un pensiero che aveva visto soltanto coscienza e ragione. E la parola separazione mi presentò anche il figlio che, nel gennaio 1980, disse il suo nome: Bambino donna e trasformazione dell’uomo”.

Bambino, donna e trasformazione dell'uomo (1980), L'Asino d'oro edizioni, Roma 2013
Bambino, donna e trasformazione dell’uomo, 1980
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2013

Il diverso da se stessi è la realtà ignota del pensiero senza parola. Non negato, fa una identità nuova, senza scissione tra coscienza ed assenza di coscienza.

2010, Torino © Nereo Benussi
2010, Torino © Nereo Benussi

LEZIONI DI CHIETI

“Vado a fare lezione all’Università di Chieti e parlo. Ho fatto una ricostruzione della ricerca di cinquanta e sessant’anni fa che mi ha portato a vedere l’identità irrazionale che è immagine come nascita del pensiero. Non erano ricordi coscienti ma memoria, che è movimento di quell’irrazionale che ricrea il vagito della nascita. Deduco che questa ricreazione c’è perchè, nascosta invisibile, c’è l’immagine indefinita della nascita che è capacità di immaginare. È un pensiero che non deriva dalla percezione dei cinque sensi della veglia. È una logica che riesce a vedere le realtà umane della mente”.

Left 2008, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2011, p. 90

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2008, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2011
Storia di una ricerca. Lezioni 2002 L’Asino d’oro edizioni, Roma 2018
Storia di una ricerca. Lezioni 2002
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2018

Forse quello a cui non ci si può opporre è la realtà della conoscenza; se ci si oppone alla realtà della ricerca e della conoscenza, l’individuo muore, perché si lede la specificità, scusate le parole, della specie umana che è la ricerca e la conoscenza, il sapere.

In uscita il 20 Settembre 2018: maggiori informazioni

Una vita irrazionale. Lezioni 2006
L’Asino d’oro edizioni. Prossima pubblicazione

Das Unbewusste. Lezioni 2003
L’Asino d’oro edizioni. Prossima pubblicazione

“Quando parlo facendo lezione, il linguaggio è diverso e, sono certo, l’ascolto è diverso dalla lettura. Più che diversa è la voce che interpreta nelle sedute di psicoterapia di gruppo, e l’ascolto di essa”.

Left 2012, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2015, p. 155

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2012, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2015
Fantasia di sparizione, Lezioni 2007, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2009
Il pensiero nuovo. Lezioni 2004, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2011
L'uomo nel cortile. Lezioni 2005
, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2012
Settimo anno. Lezioni 2008, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2013

“E così compare il ricordo delle lezioni all’Università di Chieti in cui, dietro una cattedra posta in alto, ho parlato di storia dell’Analisi Collettiva e della nuova teoria. […]Allora mi metto a pensare altre parole: comporre musica, ascoltare musica. E la musica è diversa se interpreto i sogni nelle sedute o se faccio lezioni all’Università di Chieti[…].
Le lezioni di Chieti presentano il fenomeno di un medico che scompare per far apparire un professore che racconta l’esistenza di cose che appaiono perché è stato dato loro un nome”.

AA. VV., Atti degli “Incontri di ricerca psichiatrica” - Aula Magna, Università di Roma “La Sapienza” (2003), L'Asino d'oro edizioni, di prossima pubblicazione

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Atti degli “Incontri di ricerca psichiatrica”(2003), L'Asino d'oro edizioni, di prossima pubblicazione
Religione, Ragione e Libertà. Lezioni 2009, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2014
L'idea della nascita umana. Lezioni 2010, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2015
Materia energia pensiero. Lezioni 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2016
Conoscenza dell’istinto di morte. Lezioni 2012, L’Asino d’oro edizioni, Roma 2017
© M.Fagioli

RACCOLTE DI ARTICOLI SU LEFT

“[…] stavano in attesa ruscelli di pensieri, parole, memorie e frasi che hanno fatto un fiume le cui acque hanno saziato la sete del bosco di cinquecento pagine di “left” […] io vedo, ora, che le lettere scritte in modo uguale dicono ‘qualcosa’ che non dicevano tanti anni fa. Nominano le stesse realtà umane ma… sono scritte in modo diverso. È l’uso della lingua italiana che non è fatto come in passato […] le due pagine di “left” furono due cosce bianche di una bella donna che i polpastrelli delle due dita hanno segnato”.

Left 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2014, p.119

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2014

“Sto scrivendo, di nuovo, ciò che scrissi quarant’anni fa. Ma non modifico nessun pensiero. Al contrario, quanto vedo, conosco, penso nel rapporto con l’Analisi collettiva e scrivo nella solitudine dei tre giorni di fine settimana, confermano che quanto avevo scritto in passato sulla realtà umana sconosciuta era esatto”.

Left 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2014, p.218

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2014

Left 2006
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2009

Left 2007
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2010

Left 2008
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2011 

Left 2009
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2012 

Left 2010
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2013 

Left 2011
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2014 

Left 2012
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2015

Left 2013
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2016 

Left 2014
L’Asino d’oro edizioni, Roma 2017

Left 2015
L’Asino d’oro edizioni, Roma Novembre 2018

“Il ricordo dell’esistenza di duecentoquranta o più articoli scritti su “Left” […] stimola la memoria che è soltanto fantasia che vorrebbe raccontare ciò che ho scritto in migliaia di righe […] e mi dice che la frase tante volte udita, «il tuo modo di scrivere», alludeva al confronto con la scrittura di quarant’anni fa che aveva composto i primi quattro libri. E venne la continua ricerca della diversità con il passato e si rovesciò, restando uguale, il rapporto medico-paziente che vedeva l’interpretazione dei sogni andare dallo psichiatra a chi raccontava le immagini del pensiero del sonno. La cura era sempre presente ma abbiamo sempre detto anche le parole «formazione» e «ricerca» […]. Ma viene la parola «ricreazione» del silenzio dell’inizio della vita, e la mano inventa una linea nera che si contorce su sé stessa in un movimento continuo”.

Left 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2014, pp.35-36

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Left 2011, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2014

IL SOGNO DELLA FARFALLA

“«Dicono che lei è come un’ombra». «Pettegolezzi», risposi. «È vero, non sono freudiano; ma se la mia immagine è indefinita e sfumata ciò è utile perché ogni paziente deve essere condotto a sostenere la realtà inconscia della nascita quando il neonato vede soltanto luci e ombre. Deve amare anche se non vede una figura netta nei suoi occhi. Deve cercare e trovare la sua immagine interiore; la speranza-certezza che esiste un seno… non l’ha letto? Ah, già, lei preferisce Lutto e melanconia!»”.

M.Fagioli, Una depressione,Il sogno della farfalla, rivista di psichiatria e psicoterapia, 2, 2002, p.19

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Il sogno della farfalla, rivista di psichiatria e psicoterapia, 2,2002

“Guardavo il fenomeno terapeutico di fronte a me, obiettivamente, cercando di comprendere le dinamiche: composizione di immagini e affetti. Non capivo molto ma non mi interessava comprendere. La patologia mi era stata chiara, la guarigione… chissà. È una sua storia, una sua realtà. Avevo davanti a me una persona non più malata, cioè simile a me stesso. Ora era libera, non si faceva più del male”.

M.Fagioli, Una depressione,Il sogno della farfalla, rivista di psichiatria e psicoterapia, 2, 2002, p. 27

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Il sogno della farfalla, rivista di psichiatria e psicoterapia, 2,2002

“Aveva ritrovato la zona oscura delle prime settimane di vita, zona che aveva disperso, condannato e perduto per ottenere dalla ragione senza inconscio il rapporto con la realtà e la sanità. Ora, uscita dalla depressione, doveva saper gestire quanto aveva ritrovato. Pensare, sapere, raccontare. Scoprire e realizzare un linguaggio che le permetta di essere e dire”.

M.Fagioli, Una depressione,Il sogno della farfalla, rivista di psichiatria e psicoterapia, 2, 2002, p. 28

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Il sogno della farfalla, rivista di psichiatria e psicoterapia, 2,2002

“Ovviamente bisogna pensare, e questo sarà un dovere per gli psichiatri, che il nostro nemico non è tanto la morte del corpo, che ineluttabilmente fa parte della vita biologica, quanto piuttosto la morte della mente e, prima di essa, la sua malattia, e non bisogna considerarla naturale, propria della realtà umana, perché solo così conserviamo quell’identità medica che non accetta che la sofferenza faccia parte della natura umana”.

M.Fagioli, La psichiatrica come psicoterapia, Il sogno della farfalla, rivista di psichiatria e psicoterapia, 4, 2013, p. 63

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Il sogno della farfalla, rivista di psichiatria e psicoterapia, 4,2013

POESIA

L’Asino d’oro edizioni, 2018
Poesia, L'asino d'oro edizioni, Roma 2018, pp. 1-46-47

Vai al sito de L'Asino d'oro edizioni
Poesia, L'Asino d'oro edizioni, Roma 2018